Istituto Teologico Salernitano

L’Istituto Teologico Salernitano (ITS) è annesso al Seminario Metropolitano «Giovanni Paolo II», eretto dall’Arcidiocesi di Salerno Campagna- Acerno con decreto dell’11 giugno 2000, ottenuta l’autorizzazione della Congregazione per l’Educazione Cattolica il 9 maggio 2000, ed è impegnato nella formazione teologica e pastorale dei futuri presbiteri delle Chiese locali della Metropolia salernitana. È aperto anche agli studenti aspiranti al presbiterato, di altre diocesi e di Istituti di Vita Consacrata approvati.

L’Istituto Teologico è affiliato alla Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, (con decreto di rinnovo dell’affiliazione ad alterum quinquennium del 29 settembre 2009, da parte della Congregazione per l’Educazione Cattolica e per i Seminari) e conferisce, a norma dei presenti Statuti, il grado accademico di Baccelliere.

Persegue le seguenti finalità:

  1. approfondire, mediante la ricerca scientifica, la conoscenza della verità rivelata;
  2. contribuire all ’evangelizzazione, in dialogo interdisciplinare con la cultura contemporanea;
  3. promuovere le discipline teologiche e le altre con queste connesse per l ’inculturazione del messaggio cristiano, soprattutto nell ’Italia Meridionale, in stretta collaborazione con le Chiese locali;
  4. curare la formazione degli aspiranti al ministero sacerdotale e di quanti, religiosi e laici, si preparano all ’insegnamento delle scienze sacre o ad altri compiti apostolici, a servizio del Popolo di Dio e di tutta la famiglia umana;
  5. contribuire alla formazione permanente del clero, dei religiosi e degli altri operatori.
  6. è inserito nel proprio territorio per un ministero sacerdotale incarnato, ma aperto alle acquisizioni dottrinali della ricerca teologica scientificamente condotta e alla specializzazione presso la Facoltà e altri Istituti accademici.

Secondo le norme della “Ratio Studiorum” dei Seminari maggiori d’Italia del 10 giugno 1984 e degli Orientamenti e Norme per i Seminari su La formazione dei presbiteri della Chiesa italiana, del 4 novembre 2006, emanate dalla Conferenza Episcopale Italiana, nell’Istituto vengono espletati:

  1. un biennio di formazione filosofico-teologica, propedeutico al corso teologico;
  2. un triennio istituzionale di teologia;
  3. un sesto anno, che si propone di sviluppare temi più immediatamente pastorali, legati al ministero dei futuri presbiteri.

Al termine del ciclo di studi viene conferito il grado accademico di Baccellierato in Sacra Teologia.

La struttura e la metodologia di base del Piano di studio tiene conto dell’unitarietà e circolarità tra cultura-spiritualità-apostolato (Optatam totius 14-16) e del carattere istituzionale (non monografico e specialistico) dei corsi, che caratterizza e differenzia il Seminario dalla Facoltà Teologica e dagli Istituti Superiori di Scienze Religiose.

L’ITS si avvale di un corpo docente che si preoccupa di dare unità all’insegnamento, di coordinarlo con il resto dell’attività formativa, più specificamente nella dimensione spirituale e apostolica. L’organico dei docenti negli ultimi anni è notevolmente cresciuto, cooptando nell’insegnamento quanti hanno dimostrato particolare capacità di trasmissione del sapere all’interno di una relazione educativa, suscitando particolare interesse nella cura della formazione spirituale, culturale e pastorale dei seminaristi. Sono attualmente 38, provenienti anche da altre Diocesi, oltre che da quelle della Metropolia.

Gli studenti iscritti al ciclo istituzionale di studi, per l’a.a. 2012-2013, sono 58, provenienti dalle Diocesi della Metropolia (Salerno – Campagna -Acerno, Nocera – Sarno, Teggiano – Policastro, Amalfi – Cava, Vallo della Lucania, Badia di Cava de’ Tirreni), dalla Diocesi di Avellino, da Istituti di vita consacrata (Ordine Francescano conv., Frati Minimi, Vocazionisti) e dalla Diocesi di Tamale (R.D. del Ghana), e sono costantemente impegnati nella ricerca scientifica e nella pratica ecclesiale della fede.

Oltre allo studio personale, dimostrano molta attenzione alle iniziative accademiche e culturali e alla ricerca di un confronto dialogico con i docenti. Gli studenti che hanno conseguito il Baccalaureato, presso l’ITS, sono complessivamente 73.

Il nostro Istituto Teologico si propone di continuare il lavoro fin qui svolto per la formazione teologica dei seminaristi, perché essa sia globale (cfr Pastores dabo vobis, 51-56) e sviluppi nei giovani un interesse vero per lo studio della Parola di Dio e della teologia.

L’esperienza di questi anni ha fatto registrare un interesse vivo e sincero da parte dei seminaristi nei confronti della teologia che crescerà ancora, convinti come siamo che “di tutte le scienze, la teologia è la più bella, quella che dà un maggiore slancio alla testa e al cuore, che più si approssima alla realtà umana, che dà lo sguardo più chiaro sulla verità, obiettivo di ogni scienza” (K. Barth, Iniziare dall’inizio, Queriniana, Brescia 1991, 18).

Auguro che a questa guida, relativa all’anno accademico in corso, molte altre facciano seguito, e ringrazio i docenti e gli studenti per il contributo e l’apporto dato.

Il Prefetto degli Studi

Prof. Don Angelo Barra